Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa – Cookie Policy
Accetto i cookies – I Understand

Info generali

La "Sant'Elisabetta" opera in stretto collegamento con i Servizi Sanitari Socio Assistenziali esistenti nel territorio.

Le visite specialistiche vengono effettuate da Medici del SSN in regime ambulatoriale; su richiesta del paziente o dei familiari, le visite possono essere effettuate da altri specialisti individuati dagli stessi a proprie spese.

Un eventuale ricovero ospedaliero si effettua, tramite chiamata del servizio di 118, nelle strutture limitrofe.

Durante l'assenza determinata da ricovero in ospedale, la RSA, su richiesta dell'ospite, è tenuta alla conservazione del posto per un periodo che va da un minimo di tre giorni ad un massimo di dieci.

La corresponsione della retta a carico della ASL viene sospesa per tutta la durata  del ricovero, mentre l'utente , ovvero il comune di residenza, continua a corrispondere la quota a proprio carico.

Oltre  tale termine il paziente è da considerarsi dimesso. Tuttavia, conserva comunque il  diritto di priorità per il rientro in RSA (circ. reg. n° 44/99).

Le uscite temporanee richieste dal paziente devono essere autorizzate preventivamente dalla Unità Valutativa Territoriale, non possono avere durata superiore a due giorni e non eccedere i  dieci giorni complessivi nel corso dell'anno: durante  questo periodo il paziente non è tenuto al pagamento della quota parte.

Le forniture protesiche (pannoloni, carrozzina, deambulatore, ecc.)  sono  richieste dallo specialista della ASL.

I familiari del paziente si impegnano  ad espletare tutta la procedura, presso la ASL, fino alla consegna del materiale richiesto.

Lo stato di salute e la sua evoluzione nel tempo sono oggetto di informazione sia dell'ospite, se in grado di comprendere, che dei familiari:

  • Pazienti e familiari sono così a conoscenza degli indirizzi diagnostici e terapeutici
  • Pazienti e familiari saranno chiamati ad esprimere il proprio consenso informato agli eventuali trattamenti diagnostici e terapeutici

Si assicura che le informazioni date sullo stato di salute, sui possibili interventi assistenziali, sul decorso clinico siano fornite in modo chiaro, esaustivo e comprensibile.